salta la barra


Comune di Prato

 indietro
homepage Sportello animali
Cerca nel sito
Leggi e normative

Diritti Animali


Legge Regionale 56 del 6 aprile 2000

Norme per la conservazione e la tutela degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche.
 http://raccoltanormativa.consiglio.regione.toscan[...] link esterno

Legge 11 febbraio 1992, n. 157

Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio.
 http://www.italcaccia.toscana.it/leggi_nazionali/[...] link esterno

Testo coordinato della legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3

Recepimento della legge 11 febbraio 1992,n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio)
 http://raccoltanormativa.consiglio.regione.toscan[...] link esterno

Legge 281 del 14 agosto 1991

Legge che promuove e disciplina la tutela degli animali di affezione e condanna gli atti di crudeltà contro di essi come l’abbandono e il maltrattamento.
 http://www.normativasanitaria.it/jsp/dettaglio.js[...] link esterno

Decreto ministeriale 13 maggio 2005

Ministero della Salute. Determinazione dei criteri per la ripartizione dei fondi per la prevenzione e lotta al randagismo, previsti dalla legge del 29 dicembre 2003, n. 376.
Il Decreto regola i finanziamenti previsti da progetti aventi le seguenti finalità:
a) strutture di rifugio dei cani randagi;
b) strutture per la sterilizzazione di cani e gatti;
c) centri di adozione e di rieducazione comportamentale canina con particolare riferimento alla tutela dell'incolumità' pubblica dall'aggressività' dei cani.
 http://www.ambientediritto.it/Legislazione/Fauna%[...] link esterno

Regolamento Regionale n. 38 del 4 agosto 2011

Norme per la gestione dell’anagrafe del cane, la tutela degli animali d’affezione e la prevenzione del randagismo.
 http://raccoltanormativa.consiglio.regione.toscan[...] link esterno

Legge Regionale 39 del 16 agosto 2001

Ai fini della tutela della salute umana, dell'igiene pubblica e dell'ambiente, è vietato a chiunque l'utilizzo, l'abbandono, la preparazione o la detenzione di esche o bocconi contenenti sostanze velenose o nocive, come definiti al comma 2 della Legge Regionale.
Il divieto si applica a qualsiasi alimento preparato in maniera da poter causare intossicazioni o lesioni all'animale che lo ingerisce, fatte salve le attività di derattizzazione di cui all'articolo 2 della stessa legge.
 http://raccoltanormativa.consiglio.regione.toscan[...] link esterno


Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 18.05.2017
 indietro inizio pagina